Undici gocce di Lexotan posson bastare.

tumblr_n2e06pOeFU1qz6f9yo3_250
Prendi me, per esempio.

Undici gocce di Lexotan posson bastare.
Undici gocce di Lexotan voglio dimenticare.
Pagine bianche da riempire e cuscini morbidi su cui dormire.
Undici gocce di Lexotan così che dicon sempre di sì.

Devo prendere una decisione, una di quelle che mai avrei pensato di dover prendere, una di quelle che quando spingevo forte la fantasia pensavo “Uh, sì, il mio sogno è quello di dover prendere una decisione del genere, sì, sì, sì, di dover decidere tra questo e questo…”
Devo prendere una decisione e fuori piove un mondo canissimo e, al piano di sopra, fanno lavori di ristrutturazione e quel martello, bumbumbum, mi picchia forte nel cervello, smettila, basta.
E, allora, come sempre, il mostro che entro mi rugge, “The Monster”, come la canzone di Eminem e Rihanna, il mostro che vive sotto il letto ha fatto amicizia con le voci nella testa, il mostro, dicevo, il mostro si è risvegliato e, come il martello del piano di sopra, bumbumbum, non mi voleva far cominciare la giornata, questa giornata in cui devo prendere una decisione e, bumbumbum, il cuore schizza, fischia, letteralmente grida, la mano si sconquassa, lo stomaco si strizza, trema e il cervello, mayday, mayday, il boeing della Malesia, stiamo precipitando, moriremo tutti, zombie flight, siamo già morti tutti.
Signore e signori, ecco, è appena andato in scena Messer Attacco di Panico, il mio caro amichetto degli ultimi mesi.
Uh, sì, baby, e che buon sapore mi hai lasciato in bocca.
E, poi, il dottor Paolo Fox, il mio terapeuta, continua a confondermi, a prendermi in giro, io gli chiedo, per favore-per favore-ti prego, cosa devo pensare, cosa devo fare?
E lui mi dice che la Luna transita in casa astrologica ottava, Mercurio e Giove sono a favore ma Sole e Marte mi tagliano le gambe…
Sole e Marte, eccheccazz, vogliamo collaborare o no?
Eccheccazz, Sole e Marte…
Il dottor Fox dice di non insistere, di lasciar perdere, che Aprile sarà il mese dell’amore ma mancano ancora cinque giorni ad Aprile e dunque quello che sento adesso cos’è? Non è amore? A marzo non c’è amore? E, allora, se mi metto buona e zitta, in modo che questa cosa che sento e che il dottore dice non essere amore non s’accorga che siamo ancora in marzo, poi, quando arriva Aprile, diventa amore?

Quanto tempo ci mettono le cose a diventare cose? A diventare altro quanto ci mettono?
Quanto tempo ci mettono i passi a diventare un viaggio?
Quanto tempo ci mette un’attesa a diventare un ritardo? A diventare un no, quanto ci mette?
Quanto tempo ci mette una persona a diventare amore?
Quanto tempo ci mette il tempo a passare quando è solo una questione di tempo?
Quanto tempo ci metti a diventare amore?

Intanto ascolto Hangover Friendly Singer-Songwriter su Spotify, no, nessuna resacca ma mi piace così…
Come ho già spiegato a qualcuno, l’attacco di panico mi sconvolge la chimica del cervello per parecchio tempo.
E, comunque, quella decisione, quella lì, la devo proprio prendere.

 

Annunci

Informazioni su Simona Toma

Da Questo Libro Presto Un Film. un'esilarante storia d'amore e cinema. dal 31 Maggio in tutte le librerie. ed. Mondadori.
Questa voce è stata pubblicata in Favole, L'ombelico della Toma, Le mie amiche immaginarie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...