Violetta se non fosse caduta morta sul canapè avrebbe fatto la copywriter insieme a Roberto Saviano.

Oggi, distesa sulla mia chaise longue, indossavo soltanto una vestaglietta di seta leggera e un armadillo tatuato nel mio sodo interno coscia e, pigramente e mollemente, mordicchiavo la cannuccia del mio cocktail colorato, tirando, di tanto in tanto, un piccolo sorso ma piano che anche questo m’affatica.

Ero ai bordi della mia piscina a forma di e-book, colma di gassosa Chiurazzi, e pensavo che ora sono così incredibilmente ricca grazie ai dorati diritti d’autore derivati dalle stratosferiche vendite del mio scintillante volumetto di quasi educazione sentimentale delle giovanette e, parimenti, non sapevo decidermi su quale colore dovesse avere il mio smalto.

Quello della mattina perché per scegliere il colore del pomeriggio avevo ancora un paio d’ore di tempo.

E pensavo, con orrore, al tempo in cui dovevo cercare lavoro perché, per caso, la mia migliore amica povera e precaria mi aveva inviato un contatto di un’agenzia che offriva un lavoro di digital copywriter.

Ma per accedere alle selezioni, bisognava far parte di una qualche fascia protetta, ex una qualche legge che neanche mi prendo il disturbo di ricordare.

Ah, a proposito, devo ricordarmi di assumere qualcuno che ricordi al posto mio. Sono ricca, ricchissima e me lo posso permettere.

Ecco le categorie che possono accedere alle selezioni:

  • Invalidi militari di guerra
  • Invalidi per servizio (tutti quei lavoratori dipendenti pubblici, compreso i corpi militarizzanti, che per motivo di lavoro hanno acquisito una malattia professionale o infortunio)
  • Invalidi del lavoro (come sopra, ma dipendenti da aziende private)
  • Invalidi civili (tutti coloro che, per motivi diversi da cause di guerra, servizio, lavoro, hanno perduto una certa percentuale di capacità lavorativa)
  • Privi della vista
  • Orfani e vedove (solo delle seguenti categorie: guerra, lavoro, servizio)
  • Gli ex tubercolotici (ovvero dimessi da luoghi di cura)
  • Profughi
  • Vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

Dovrei, per essere anche solo presa in considerazione, fare una serie di cose, tra cui:

  • partire in guerra e rimanere offesa;
  • venire gravemente ferita da una macchina da presa durante un set;
  • rimanere genericamente offesa in modo grave e definitivo non durante una guerra e non durante un lavoro;
  • uccidere mio padre e mia madre oppure sposarmi e uccidere mio marito;
  • ammalarmi di mal sottile, venire ricoverata in un sanatorio, poi guarire e venire dimessa dal suddetto sanatorio;
  • far scoppiare una guerra civile in Italia o fare invadere l’Italia dalla Svizzera, diventare partigiana e resistente e quindi acquisire lo status di profuga, una volta giunta oltralpe;
  • sperare che Al Qaeda o la camorra si accorgano della mia blasfemia o del mio essere scomoda come Roberto Saviano.

Posta la giustezza di queste tutele rispetto a determinate categorie protette, mi chiedo perché ci sia tutta questa discriminazione nei confronti di chi è guarito dal colera, dalla peste nera, dalla gotta e dalla pellagra.

È tutelato solo chi è scampato alla tubercolosi.

E ci sono reduci dalla tubercolosi che vogliono assolutamente fare i copywriter.

Violetta se non fosse caduta morta sul canapè avrebbe fatto la copywriter grazie alla sua accattivante malattia e anche Roberto Saviano, in virtù dei suoi problemucci con la camorra, potrebbe essere assunto da questa agenzia.

Mi aiutate ad avvertirli ché magari hanno bisogno? Noi giovani ci dobbiamo aiutare tra di noi, è il patto generazionale, no?

 

 

Annunci

Informazioni su Simona Toma

Da Questo Libro Presto Un Film. un'esilarante storia d'amore e cinema. dal 31 Maggio in tutte le librerie. ed. Mondadori.
Questa voce è stata pubblicata in Fronte ampia e spaziosa e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...