Una mia amica ha ricevuto una specie di dichiarazione d’amore lunga lunga…

Una mia amica, o un’amica di una mia amica, non ricordo più bene, ha ricevuto una mail.

Una mail in cui si parlava di tante cose e poi, ad un certo punto, si chiudeva così.

Perché le mail, e anche altre cose in verità, molte altre cose in verità, ad un certo punto vanno chiuse.

Dicevo, si chiudeva così:

“Quando ci vediamo? A parte il fatto che io ti vedo scritta su tutti i muri e ogni canzone mi parla di te e che nelle nostre altre mille vite che abbiamo avuto ci siamo sempre e comunque amati (o amate, non ricordo), sempre per l’eternità: quando eravamo tu principessa e io pisello o forse ero un cavallo, non ricordo, tu eri collo e io lama di gigliottina, tu sbronza e io aspirina, tu treccia e io balcone, tu piatto e io spaghetto, tu lavagna e io gessetto, tu merenda e io fame, tu Simon e io Garfunkel, tu John e io Yoko, tu sigaretta e io vizio, tu terremoto e io paura, tu lacrime e io coccodrillo, tu latte versato e io pavimento bagnato, tu porta e io sbattevo, tu amore e io mano che trenava, tu caffè e io tazza fredda, tu primavera e io pioggia, tu estate e io ghiacciolo, tu autunno e io velluto, tu inverno e io abbraccio, tu piedi freddi e io fermo, tu scrittura e io inchiostro, tu amore e io follia, tu Mac e io spocchia, tu baffi e io lametta, tu neonato e io profumo, tu prima notte insieme e io telefono che squilla il giorno dopo, tu prima notte insieme e io le altre molte notti senza di te, tu il biscotto nel tè e io le cinque del pomeriggio, tu meteorite e io terra, tu glaciazione e io dinosauro, tu la risposta sbagliata e io la domanda che, comunque, non ti ho mai fatto, tu la tasca e io la banconota che avevi dimenticato dentro, tu guerra e io bomba, io pace e tu donna, tu bacio e io grazie, io nonna e tu torta, tu nonno e io racconto, tu sole e io ustione, tu fine gennaio e io merla, tu libro e io letto, tu università e io Bologna, tu canino e io giugulare, tu il baro e io le carte, tu facebook e io il mi piace, tu Feltrinelli e io Einaudi, tu la sposa e io l’ubriachezza, tu l’unghia e io il dente, tu il tradimento e io il dolore, tu il piacere e io l’attesa, tu il tram e io il biglietto, tu il tacco 12 e io il piede, tu il libro e io la storia, tu la storia e io la memoria… TU LA STORIA E IO LA MEMORIA.

Ecco, in tutto ciò, credo di averti fatto una specie di dichiarazione d’amore lunga lunga. In realtà, non l’ho fatto apposta.

Se deciderari di uscire da casa, prima o poi, di smettere di vivere in quella camera rosa e verde, potremo incontrarci anche solo sul marciapiede dall’altra parte della strada. Altrimenti, comprerò la casa di fronte la tua e mi metterò alla finestra ma solo quando tu avrai spento la luce.

Un abbraccio, se posso e un bacio, se vogliamo.

N”.

 

 

 

Annunci

Informazioni su Simona Toma

Da Questo Libro Presto Un Film. un'esilarante storia d'amore e cinema. dal 31 Maggio in tutte le librerie. ed. Mondadori.
Questa voce è stata pubblicata in Lettere d'amore e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Una mia amica ha ricevuto una specie di dichiarazione d’amore lunga lunga…

  1. lakappa ha detto:

    tu lavagna e io gessetto

  2. nicoletta ha detto:

    tu attesa ed io piacere

  3. giuliasfootprints ha detto:

    tu la volpe e io l’uva

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...